S E G U I C I 

 

Risorsa3

facebook
youtube
pinterest
instagram

M A N D A C I   U N A  M A I L

ciurimood@gmail.com

CIURI MOOD 2019 . DESIGN 

13/11/2018, 21:26

Travel



Manifesta12-–-Palermo18


  Manifesta ci ha aperto le porte di luoghi altrimenti abbandonati e chiusi. Palazzi e monumenti sono stati rivalutati attraverso l’arte e la cultura. Ma ci ha aperto anche gli occhi.



 👣 Chi ci ha seguite su instagram sa per bene che siamo state a Palermo. Vi abbiamo bombardati di storie su questa magnifica città. Manifesta ci ha aperto le porte di luoghi altrimenti abbandonati e chiusi. Palazzi e monumenti sono stati rivalutati attraverso l’arte e la cultura. Ma ci ha aperto anche gli occhi.

Occhi che hanno guardato al passato per poter riflettere su temi odierni e sperare in una rinascita futura.

La migrazione, l’Antropocene, sono solo alcuni dei temi caldi che traspaiono da installazioni come "the Teathre of Sun - Fallen Fruit", "The soul Of Salt" e "Vuoto a perdere".

In una città che è da sempre stata considerata come punto di scambio di diverse civiltà, quest’anno, nel 2018, ci si scambiano opinioni e riflessioni. 
Tutto grazie a Manifesta, la biennale d’arte contemporanea itinerante.

manifesta.jpg

📍 Cominciamo il nostro tour con  l’opera sicuramente più instagrammata della biennale all’interno del Palazzo Butera:

 "Theatre of Sun - Fallen Fruit" la sala  totalmente rivestita da carta da parati e mappe che localizzano gli alberi da frutta della città di Palermo.

L’installazione vede la frutta come un soggetto naturale e culturale che si muove lungo rotte di espansione territoriale, commercio internazionale e migrazione umana: un soggetto che viaggia per il mondo.

davmde

🌎 Non per caso infatti uno dei temi principali della Biennale era Borderless, un argomento che affronta temi come la migrazione e la mobilità internazionale, che abbiamo ritrovato in installazioni all’interno del Palazzo Forcella De Seta, uno degli esempi più significativi di eclettismo ottocentesco palermitano in architettura.

Qui un opera significativa  "The Soul of Salt", un installazione e video in cui veniva tramandata la leggenda degli "Africani Volanti", schiavi che evitavano di mangiare il sale per diventare così leggeri da poter essere in grado di ritornare in voli fino in Africa.

soulofsalt.jpg
All’interno della Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, una della chiese più suggestive della Sicilia con la particolarità di non avere il tetto, vi era un’installazione di Rosa Vetrano: "vuoto a perdere", installazione basata sul simbolismo delle figure geometriche che induce a riflettere sulla condizione catastrofica ambientale prodotta dalla massificazione edilizia. 
Un’opera che induce al dialogo tra passato e futuro, pieno e vuoto.

dav

sdr

Queste sono solo tre delle tante installazioni viste in occasione di Manifesta, ma una volta a Palermo abbiamo deciso anche di visitare Palazzo Abatellis, sede della Galleria Regionale della Sicilia; il Palazzo Reale, attuale sede dell’Assemblea regionale siciliana (incantevole la Sala Pompeiana!) ed il Museo Internazionale delle marionette, dove abbiamo assistito come dei bambini ad uno spettacolo! 🎭

mdedav

Insomma, siamo tornate a casa con un bel bagaglio di bellezza, che non fa altro che farci tornare mentalmente in quel tripudio di arte, cultura e cibo che è la città di Palermo!
Vi lasciamo con un video che sintetizza la nostra, seppur breve ma intensa, permanenza nel capoluogo siciliano! 




1

POTREBBE INTERESSARTI...

Manifesta12 – Palermo18

13/11/2018, 21:26

Manifesta12-–-Palermo18

Manifesta ci ha aperto le porte di luoghi altrimenti abbandonati e chiusi. Palazzi e monumenti sono stati rivalutati attraverso l’arte e la cultura. Ma ci ha aperto anche gli occhi.

SCOPRI LE ALTRE CATEGORIE

Create a website